Comunità

Ogni singola comunità filippina è autonoma e costituisce una società clericale di diritto pontificio a sé, non esente dalla giurisdizione degli ordinari del luogo. Le congregazioni sono formate da sacerdoti, chierici e fratelli laici che vivono in comune, senza voti, promesse e giuramenti.

Il governo delle congregazioni è affidato a un Preposito, che è primus inter pares: a lui compete il potere esecutivo, mentre le decisioni straordinarie sono prese dalla Congregazione generale, composta dai padri decennali, che hanno voto deliberativo nelle consultazioni, e di padri triennali, con voto consultivo.

Le decisioni ordinarie sono prese dal preposito, eletto con mandato triennale e rieleggibile, insieme a quattro deputati.

***

  • P. Michele Pischedda, preposito
  • P. Giulio Cittadini
  • P. Franco Trinca
  • P. Tiziano Sterli
  • P. Davide Saron
  • Fr. Mario Colossi
  • Ch. Alessandro Nember